| AdBlock distruggerà Internet e i servizi gratuiti - Guide informatica

AdBlock distruggerà Internet e i servizi gratuiti


Sono enormemente impressionato da persone che fanno uso di AdBlock, o qualsiasi altro programma o estensione per il browser progettato per nascondere annunci e pubblicita` da  siti web.

La mia politica è sempre stata che se un sito ha tanti annunci invadenti abbandono quest'ultimo e non lo visito più

Invece se trovo un sito utile il quale mi ha aiutato a risolvere un mio problema sono ben felice di supportare i proprietari con un flusso di entrate, soprattutto per incentivare gli autori a scrivere altri articoli e soprautto perché a volte le pubblicita` mi tengono costantemente informato su nuovi servizi e prodotti.

Dovete capire che la maggior parte dei servizi si appoggia alle pubblicita` per offrire servizi gratuiti , un esempio sono Google , Youtube e Facebook e tanti siti rilevanti in tutto il mondo.

Immaginate se tutti usassero Adblock , i blog non avrebbero piu` interesse a scrivere articoli e guide,i servizi che tanto amiamo potrebbero chiudere o fallire distruggendo la crescita del web.Potrebbero nascere addirittura siti che offrono contenuti a pagamento oppure sottoforma di abbonamento mensile , molto peggio a mio parere che visualizzare un banner pubblicitario.

Per me e` la stessa cosa che scaricare gratis un videogioco protetto da copyright .Dovete ringranziare gente che compra i loro prodotti se queste aziende sono ancora in fase di produzione e sfornano nuovi giochi altrimenti non avrebbero senso di esistere. 

Sono sicuro che siamo tutti d'accordo che questo è sia immorale sia illegale e che chiunque la pensi diversamente è semplicemente un parassita della societa` o un criminale.

Chi usa AdBlock,lo fa anche in mal modo poiche` blocca e filtra qualsiasi tipo di annuncio , anche quelli poco invadenti e pertinenti di Google Adsense o Facebook.
Internet vive grazie alle pubblicità. E 'il miglior flusso di entrate attualmente. AdBlock lo considero un tumore per internet.

Se utilizzate Adblock per filtrare annunci anche non invadenti, mi piacerebbe sapere qual'e` la vostra giustificazione tramite un commento. 

Vuoi continuare ad utilizzare servizi gratuitamente ? Vuoi ancora vedere video su Youtube e sentire la musica gratuitamente ? Vuoi leggere guide e recensioni aggiornate gratuitamente ? Vuoi avere software freeware o addirittura applicazioni android o iphone gratis ?
Bene se vuoi che tutto questo non finisca , spegni AdBlock e qualsiasi altro programma simile!
  • Commenti Blogger
  • Commenti Facebook

20 commenti:

  1. Ho smesso di guardare la televisione per la bassezza dei contenuti e l'asfissiante e martellante pubblicità. Ciò che è positivo di internet è il fatto che chiunque può contribuire personalmente, producendo informazione di qualità migliore per il gusto di farlo, non per lucro.
    Se anche qui tutto deve girare attorno e dipendere dal demone denaro, preferisco che i servizi gratuiti chiudano, tanto più che spesso quelli con più pubblicità sono anche quelli che copiano e si "rimbalzano" notizie o nozioni neppure verificate.
    Mi delude vederti pubblicare un post così, davvero. Conto tu possa riconsiderare la tua posizione.

    Anon

    RispondiElimina
  2. Anche se non fosse per lucro io gli do ragione , anche io ho un blog. Credimi che consumi sia i soldi(server,energia elettrica) e il tempo ne spendi in quantita` sopratutto quando scrivi molti articoli.

    Non pensarlo come scopo di lucro ma come un rimborso speso del tempo perduto da dedicare al blog , penso che durante questo periodo di crisi sia utile qualche spicciolo....

    Mi sembra lecito supportare il loro sacrificio attraverso la pubblicita` che a me non da per nulla fastidio , anzi molte volte mi e` di aiuto nel cercare nuovi siti.

    RispondiElimina
  3. Anon io penso che la pubblicita` di internet non sia cosi` invasiva come la Tv o quella di Youtube.

    Anche perche` con l'annuncio adsense tu comunque continui a leggere il tuo articolo senza essere disturbato da blocchi o altro.

    Credimi non e` un attivita` posta al lucro eccetto alcuni , il misero budget guadagnato al mese ci permette di mantenere dei costi e sopratutto di acquistare nuovi oggetti tecnologici per ampliare la conoscenza e di farne nuove guide.

    Non amiamo fare il copia e incolla senza testare.

    Un esempio banale e`ad esempio la guida su uno smartphone , e` un ipocrisia fare delle guide per quel terminale senza averlo tra le mani , non ti pare ?

    RispondiElimina
  4. Assolutamente contrario alla pubblicità e tutto quello che ruota intorno.
    Chi scrive recensioni o lo fa per passione o per soldi. I primi non devono chiedere nulla; i secondi lo fanno con login a pagamento. Spetta poi a chi legge cosa vuol fare. Punto. Il resto è aria fritta e poche balle.

    RispondiElimina
  5. AdSense e Google Analytics (e tutti gli altri) generano cookies traccianti e, se permettete, la MIA privacy me la gestisco io e non la lascio per "favorire" un blog o altro. Parlando di forum, che si spacciavano come gratuiti (all'inizio), obbligavano poi a continue donazioni mensili, assillando gli utenti con mail più o meno vessatorie. Quasi tutti chiusi o morti con questa politica discutibile. Quindi, NO alla pubblicità. Questa è la mia personalissima opinione.

    RispondiElimina
  6. Beh quindi un autore che si fa il culo tutti i giorni per sfornare guide e aggiornamenti per voi lo dovrebbe fare gratuitamente ?


    Ma non dite cazzate , ok per il tracciamento vi do ragione ma si puo` benissimamente disabilitarlo....

    RispondiElimina
  7. Scusate ma dove vivete , credete che i siti campano per aria ?

    Non avete idea dei soldi che spendono i grandi siti per mantenere i loro server con milioni di dati e per la creazione di nuove tecnologie.

    Scusate allora non usate ne Youtube , ne Facebook , ne i servizi e-mail , ne Google Maps visto che tutti questi si mantengono vivi grazie alle pubblicita`.

    RispondiElimina
  8. La pubblicità su Internet a volte è molto invasiva con mega finestre che ti si aprono che non riesci nemmeno a vedere il tasto chiudi, animazioni flash che appesantiscono la navigazione, specialmente via cellulare. La gente ricorre ad Adblock perché spesso i blogger non si regolano ed esagerano perché ci vuole misura in tutto. A chi vuole farsi conoscere come blogger suggerisco di creare una versione free ed una versione a pagamento delle notizie che offre, esattamente come accade per le app dei cellulari. In quella free viene postato solo un pezzo dell'articolo e se vuoi leggere il resto paghi un piccolo abbonamento. Se alla fine non si riesce a vendere il proprio articoli significa che non si è competitivi o interessanti o bravi. Non è che tutti quelli che scrivono su internet hanno diritto ad incassare per il solo fatto di scrivere qualche cosa. Se mettessero youtube a pagamento sono sicuro che la gente pagherebbe. Io di sicuro

    RispondiElimina
  9. Emanuele quelli che non sanno scrivere vengono esclusi a priori perche` la gente non visita , subito abbandona un blog penoso...

    RispondiElimina
  10. La mia opinione riguardo al grave problema della pubblicità è decisamente contraria alla "opinabile" tesi proposta da questo articolo.

    L'uso di strumenti come Adblock sta diventando indispensabile, inoltre è un ottimo sistema per migliorare internet e per insegnare qualcosa ai web master e a chi si occupa di pubblicità.

    Personalmente consiglio a tutti l'installazione di Adblock o di software simili.

    Purtroppo nelle poche righe di un commento mi è difficile spiegare compiutamente i perché del mio consiglio.

    Posso solo lasciarvi l'indirizzo del mio articolo riguardante la pubblicità sul web :

    http://www.redchar.net/?x=entry:entry130127-084825

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Io ho una decina di siti. Tutti con contenuti originali, sia testo che immagini, che vengono scopiazzati e replicati ovunque, soprattutto su forum, blog e fessbuk.
    Per le poche entrate che arrivano da adsense ho una partita iva apposita (si, uno dei pochi! Pirla se volete, ma con la coscienza a posto!).
    Ora, la percentuale degli utenti che bazzicano i miei siti usando adblock è diventata circa il 90% nei siti con contenuti grafici e circa il 30% in quelli con contenuti testuali, razie alla maggior percentuale di utenti "non mobile".
    Le entrate non bastano più a sostenere la partita IVA.
    A fine anno (resisto sperando nel picco del periodo natalizio) chiuderò la partita iva e tolgierò adsense.
    Terrò alcuni domini per continuare ad usarne gli indirizzi email, ma cancellerò i contenuti perchè, se inizialmente facevo siti per la soddisfazione di vederli sempre più frequentati, adesso mi rendo conto che la maggior parte dei frequentatori sono solo dei parassiti, prepotenti e molto, ma MOLTO, ottusi.
    Vengono, a volte prendono e replicano altrove e pretendono anche di farlo visualizzando del mio sito solo quello che gli piace.

    Un vaffa a tutti quelli che si sentono furbi perchè usano adblock: un'applicazione che impedisce ai siti di raggiungere gli scopi per cui sono stati messi in rete.

    Avete mai pensato che forse siete solo dei burattini nelle mani di qualcuno che, magari, ha fatto domanda per lavorare a Google e non è stato preso? Oppure a qualcuno che, semplicemente, odia il denaro e il sistema capitalistico?

    RispondiElimina
  13. adblock mi ha salvato. sono due mesi che non vedo una pubblicità su internet e vivo molto meglio. L'unico sito di cui mi interessa l'esistenza è wikipedia, a cui prossimamente farò un offerta. ma di blogghini e bloggucci vari non se ne può più. prima chiudono e meglio è. e se adblock ne accelererà la chiusura, un motivo in più per usarlo. stesso discorso vale per facebook. anche se lo uso, se chiudesse domani ne sarei ultra-contento. VIVA ADBLOCK.

    RispondiElimina
  14. Questo blog è un insulto alla libertà di internet e a chi lo usa! ne facciamo a meno dei vostri commenti , consigli e guide .Gli argomenti si approfondiscono sui libri, su cui è bene investire il così tanto soppravvalutato denaro. No allo spam pubblicitario. Internet è nato come spazio libero per tutti , poi arrivate voi 'bloggatori' saccenti di tutto non vi accontentate della possibilità che vi viene offerta di essere letti ma pretendete pure di essere pagati da chi ci sfrutta e ci martella ovunque di pubblicità a solo scopo di lucro! Pensate quanto sarebbe diverso un mondo senza l'influenza della pubblicità . Liberate la vostra mente !

    RispondiElimina
  15. a me da fastidio la pubblicità invasiva come finestre che si aprono da sole, video annunci che si aprono automaticamente, su youtube quando vedo un video mi fa incazzare che devo aspettare 15-30 secondi, se magari facessero pubblicità meno invasiva forse si migliorerebbe qualcosa

    RispondiElimina
  16. io uso adblock ma su i siti che pubblicano buoni contenuti lo disattivo purtroppo su internet c'è troppa pubblicità invadente

    RispondiElimina
  17. Quindi chi ha scritto va in bagno durante il telefilm per non perdersi le pubblicità alla TV, deduco

    RispondiElimina
  18. Anche io uso adblock solo per non avere una navigazione su internet piu limpida e non aspettare minuti prima che una pagina si carichi o avere pubblicità ingombrante,poi ovviamente sui siti che lo richiedono lo disattivo.

    RispondiElimina
  19. Se chi mette le publicità avesse avuto una politica più rispettosa e meno invasiva per l'utente non si sarebbe arrivati a questo punto.Hanno tirato troppo la corda(e i maroni) e adblock è stata la risposta.

    RispondiElimina
  20. Se la pubblicità si fermasse a qualche banner qui e lì, non userei AdBlock Plus. Purtroppo, invece, anche per visitare un sito blasonato e famoso, mi ritrovo spesso con pupup di ogni tipo che sono fastidiosi e del tutto inutili, soprattutto per ciò che pubblicizzano. Non parliamo poi di quelle pubblicità con video in cui senti parlare e non sai dove interrompere, magari mentre senti qualche bel pezzo musicale.
    Mi dispiace, ma sono in forte disaccordo con l'articolo. Pubblicità va bene, ma come al solito, le multinazionali sono troppo aggressive. Continuerò ad usare AdBlock Plus. Internet è nato libero, e voglio continuare ad usarlo tale.

    RispondiElimina

Item Reviewed: AdBlock distruggerà Internet e i servizi gratuiti Rating: 5 Reviewed By: Stefano Izzo