Home News Facebook non è il social più utilizzato in Russia

Facebook non è il social più utilizzato in Russia

0

L’era tecnologica impone ad ogni Paese una completa
familiarizzazione con i social network: la Russia, seppure nel rispetto di una
tendenza incomparabile, dimostra quotidianamente di saper crescere
parallelamente ai propri social network.
Un’analisi approfondita sulle modalità e la frequenza
tramite la quale la popolazione accede ai social network permette di
individuare l’importanza di Odnoklassniki.ru, piattaforma
sociale leader in Russia e vantante un numero di utenti in grado di raggiungere
il 73% del totale degli internauti russi. In seconda posizione troviamo vKontakte,
il quale, tuttavia, possiede il primato di visite giornaliere di 38,4 milioni
avvenuto il 10 Settembre 2012, più del 50% rispetto alla media giornaliera
dell’anno precedente.
russia

A sorpresa troviamo in ultima posizione il colosso Facebook che
risulta essere il meno impiegato a livello nazionale:
basti pensare,
infatti, che solo il 18% degli naviganti russi è attualmente attivo sul social
network americano. Tuttavia solamente due anni fa gli utenti attivi erano pari
al 5% degli internauti, mostrando una crescita negli ultimi anni che non va
assolutamente sottovalutata.

Discorso a parte per Twitter che contrariamente ai
pronostici si sta infatti dimostrando capace di adeguarsi ad una crescita
inarrestabile. Nello specifico, il biennio appena conclusosi ha significato un
periodo estremamente positivo, contraddistinto da un accesso ai servizi di
microblogging davvero concentrato: secondo Semiocast il numero di utenti russi
che utlizzano Twitter è pari 5 milioni di utenti, mentre per Yandex arrivano
fino a 7,18 milioni. Risulta quindi evidente, al di là delle cifre, come i
social network stiano crescendo vertiginosamente nella nazione.

Le statistiche ed i numeri riportati mostrano l’elevato coinvolgimento che
la popolazione russa riversa sui social network e sulle attività affini. Tale
circostanza, oltre a rappresentare un’ingente fonte di guadagno per i gestori
delle piattaforme online, può rappresentare anche un interessante strategia di
marketing per chi volesse addentrarsi nel mercato russo: le attività promotrici
si traducono essenzialmente nella banneristica pubblicitaria, con la
possibilità di personalizzare il target secondo alcuni criteri, come l’età, gli
interessi, l’università e cosi via. L’interesse notevole che la gente locale
sembra riservare alle questioni sociali è un segnale premonitore del successo
dell’intera attività.

Sconti, coupon sul nostro canale Telegram

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here