| Ecco perchè i file sul Desktop rallentano il PC - Guide informatica

Ecco perchè i file sul Desktop rallentano il PC

Molto spesso vedo che gli utenti , per pigrizia o velocità lasciano la maggior parte dei file sul Desktop. Finchè siano icone o collegamenti , oppure poche immagini o documenti non vi è nessun rallentamento significativo.

Un amico si è lamentato dell' avvio molto lento del pc e una macchinosità del sistema in generale, vedendo sul desktop ho scoperto che aveva molti file sul desktop quali cartelle di foto e video , iso di programmi e giochi.


Questa brutta abitudine rallenta di molto il pc , proprio perchè il pc tiene pronti i nostri file, e come se noi aprissimo ogni volta un hard disk esterno che debba caricare i file e le anteprime.
Tantissimi file incidono sopratutto sull'hard-disk , che già di suo non è molto veloce rispetto ai normali SSD.

Attenzione : potrebbe sembrare una stupidaggine proprio perchè anche desktop è contenuto in documents and setting , ma non è così poichè anche se i file sono virtualizzati , tendono comunque a consumare risorse del nostro PC.

Il nostro consiglio :
Questa brutta abitudine influisce molto sui nostri pc e i portatili , anche sui sistemi OSx.
Il nostro consiglio , anche se può sembrar banale , è quello di avere sul desktop solo i collegamenti ai file e non i file fisici , in modo da caricarli solo quando è necessario!

Un'altra cosa importatinssima da fare è quella di limitare l'autoavvio della app all'accensione del pc : è possibile controllare e disabilitare i programmi digitando "MSCONFIG" dal programma esegui e andare nel tab Avvio!
  • Commenti Blogger
  • Commenti Facebook

2 commenti:

  1. e se ci sono tante cartelle rallenta lo stesso?

    RispondiElimina
  2. Non scrivo molto sul sito, perché ne approfitto che dopo tanti siti di soluzione per pc ecc voi (o te) siete/sei molto bravo, continuate così e grazie (anche se non commento, io vi seguirò sempre :)

    RispondiElimina

Item Reviewed: Ecco perchè i file sul Desktop rallentano il PC Rating: 5 Reviewed By: Stefano Izzo