Home News Il roseo futuro del cloud gaming e computing

Il roseo futuro del cloud gaming e computing

5

Il cloud gaming sembra essere molto vicino e permetterà di rivoluzionare lavoro ed intrattenimento. Immaginate di avere una TV, un tablet , un portatile o uno smartphone di fascia bassa e di poterci fare rendering complessi , eseguire programmi molto avanzati o di giocare agli ultimi videogiochi a risoluzioni estreme.Applicazioni pesanti come Autodesk 3DS Max, Adobe Photoshop, After Effects, Audition e modellazione 3D  sarebbero gestibili anche da un notebook.

Maccheronicamente parlando il lavoro computazionale sarà gestito da hardware in remoto che potete controllare, a voi sarà trasmesso a video proprio come se fosse il vostro dispositivo ,il tutto in tempo reale. Non è necessaria l’accelerazione hardware , quindi il 100% dei dispositivi connessi a Internet sono compatibili

cloud gaming e computing

La tecnologia utilizzata 
Tutto questo lo sta realizzando OnLive ,utilizzando una  tecnologia proprietaria. ORBX.js è un codec HD scritto interamente in JavaScript e WebGL e funziona su qualsiasi browser moderno come Firefox, Chrome, Safari. Questo significa che non c’è bisogno di installarlo , inoltre lo rende compatibile con qualsiasi harwdare.
ORBX.js è codec lagfree per il web , ideale per risoluzioni oltre il 1080p a 60fps. ORBX.js è un lavoro congiunto di OTOY e Mozilla, ed hanno in programma di standardizzarlo per il web.

L’esperienza da un espressione di continuità, sarebbe difficile capire quale è in esecuzione realmente e quale viene eseguito in cloud. L’ autore ha parlato di come JS continuerà ad evolvere “low-road”, così come le API e le caratteristiche “high-road” per sfruttare l’hardware parallelo.
Questa tecnologia se standardizzata , verrà sicuramente adoperata dai giganti come Google , Amazon , Microsoft che offriranno tale servizio gratuito o a costi ridotti.

Questa tecnologia ha un potenziale illimitato , mettendo a disposizione ad un unica persona  una potenza di elaborazione 100 o 1000 volte maggiore ad un comune pc. Questa tecnologia anche se innovativa , potrebbe mettere in crisi molte aziende che producono hardware danneggiando soprattutto chi produce pc o componenti per lo stesso.

5 Commenti

  1. Ad ogni soluzione si presenta un nuovo problema (Legge di Murphy n.1, Corollario 1). Con la mia connessione non vado molto lontano, e con quel che pagherei per potenziarla potrei tranquillamente assemblarmi un PC di fascia medio-alta.

  2. Domandina… Come la mettiamo con la velocità di connessione in Italia? Siamo tra gli ultimi Paesi al mondo! E poi dubito che alle aziende produttrici di componenti questo farà piacere! Io continuo a preferire i giochi installati sul mio bel PC…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here