| Spotify vs Groove Music vs Deezer: il confronto - Guide informatica

Spotify vs Groove Music vs Deezer: il confronto

Dal 2013 ad oggi sono tantissimi i servizi di musica on demand che sono sbarcati su PC e smartphone (iOS, Android e Windows Phone). Il fenomeno Spotify, che in Italia ha iniziato a diffondersi circa 4 anni fa, ha fatto da apripista ad alcune alternative decisamente valide. Se anche voi avete iniziato a preferire la musica on demand rispetto ai file acquistati digitalmente e sistemati su PC e device portatili, questa panoramica fa proprio al caso vostro: analizzeremo, con prezzi, pregi e difetti delle tre piattaforme migliori che oggi offrono questo genere di servizi.

Spotify


Spotify è sicuramente il servizio di musica on demand più conosciuto al mondo. Difficilmente non ne avete mai sentito parlare e difficilmente non lo avete ancora provato. Spotify nasce nel 2008, ma è solo negli ultimi anni che ha avuto una diffusione pressoché a livello globale. Ad oggi conta oltre 30 milioni di brani e nonostante le polemiche sui guadagni degli artisti (decisamente irrisori) rimane uno dei servizi più utilizzati al mondo.



Se da desktop e browser Spotify è disponibile in tutte le sue funzionalità (come ad esempio l’ascolto in totale autonomia dei brani del nostro artista preferito o di un intero album), la versione mobile è abbastanza limitata, almeno se optiamo per il piano gratuito. Da smartphone o tablet non sarà possibile scegliere quale album riprodurre e verrà creata in autonomia una playlist basata sul genere del brano scelto.

Per quanto riguarda i prezzi, Spotify è sicuramente un servizio Premium che vale la spesa richiesta. Il piano mensile costa 9,99 Euro al mese, mentre il Premium for Family (Playlist personalizzate fino a 5 utenti) 14,99 Euro al mese. Se siete studenti potete approfittare di uno sconto di 12 mesi, pagando ogni 30 giorni 4,99 Euro al mese. Presente anche un piano di abbonamento annuale, da 119,98 Euro ogni 365 giorni. Potete provare il servizio gratuitamente per 30 giorni.

Deezer


Deezer è la migliore alternativa a Spotify. Il servizio è disponibile (esattamente come il suo concorrente) su smartphone, tablet e PC (via app desktop e browser). A differenza di Spotify, però, l’app per iOS e Android risulta essere più pesante e va ad attaccare in maniera significativa RAM e CPU del nostro device portatile. Il catalogo a disposizione degli ascoltatori è comunque molto vasto, pur essendo leggermente inferiore a quello di Spotify, ma Deezer è in grado di soddisfare tutti i gusti musicali.

deezer


Da ambiente PC (desktop e browser), così come da ambiente mobile, le caratteristiche sono le stesse identiche del principale concorrente.
Dove Deezer però riesce meglio rispetto a Spotify è sul tariffario. In primis non è possibile sottoscrivere un abbonamento annuale e il prezzo del mensile è lo stesso (9,99 Euro con prova gratuita di 30 giorni), ma Deezer Family è la vera alternativa: 6 profili premium rispetto ai 5 di Spotify, allo stesso prezzo del concorrente, ovvero 14,99 Euro.

Groove  Music


Groove è sicuramente una delle novità di spicco del panorama dei servizi on demand. Il servizio è stato lanciato nel corso del 2012, con il nome di Xbox Music ma con l’arrivo di Windows 10 e l’unificazione dell’ecosistema tra i dispositivi della casa di Redmond è stato appunto rinominato Groove Music.
L’applicazione di Microsoft riesce a superare Spotify e Deezer per un vantaggio non da poco: è in grado infatti di riprodurre tutti gli album e i brani che l’utente carica su OneDrive, il servizio cloud di Microsoft lanciato tra il 2012 e il 2013.

grove music


Groove Music però fa parte dei servizi di musica on demand grazie al Music Pass. Il pass, dal costo di 9,99 Euro al mese, permette di ascoltare senza limiti i 38 milioni di brani del catalogo, le stazioni radio e scaricare sui propri dispositivi album e canzoni. Completa il quadro la reperibilità di Groove Music, presente su Windows 10 (già nativamente incluso nel sistema operativo), Windows Phone (qualsiasi versione dalla 8 in avanti), iOS e Android. Niente male, vero?  
  • Blogger Comments
  • Facebook Comments

0 commenti:

Posta un commento

Item Reviewed: Spotify vs Groove Music vs Deezer: il confronto Rating: 5 Reviewed By: Alessandro Adinolfi