Home Recensioni Robot aspirapolvere gestibile tramite app (Eufy RoboVac 30C)

Robot aspirapolvere gestibile tramite app (Eufy RoboVac 30C)

0

Eufy è un marchio appartenente ad Anker che si occupa di portare sul mercato prodotti smart dedicati principalmente alla casa. Esempi sono i vari robot aspirapolvere. Dopo aver provato personalmente i RoboVac 11S e 11, quest’oggi vi parlerò del nuovissimo Eufy RoboVac 30C. Si tratta di un robot pulitore davvero interessante poiché può essere comandato dall’app companion oppure attraverso Amazon Alexa e Google Assistant (o almeno dovrebbe). Scopriamo insieme tutte le caratteristiche di cui è dotato.

Contenuto della confezione

All’interno della scatola di vendita troviamo il seguente contenuto:

  • Robot aspirapolvere Eufy RoboVac 30C.
  • Base di ricarica.
  • Telecomando.
  • 2 batterie AAA.
  • Adattatore da parete con spina europea e connettore DC lungo 149,5 cm.
  • 4 spazzole laterali.
  • Strumento per la pulizia.
  • 5 fascette per cavi.
  • 12 adesivi 3M.
  • 2 filtri HEPA (di cui uno già implementato nel robot).
  • 2 filtri in schiuma (uno già incluso nel robot).
  • 2 strisce di delimitazione da 2 metri ciascuna.
  • Manuale utente anche in lingua italiana.
  • Quick Start Guide.
  • Libretto di garanzia.

Rispetto ai due modelli precedenti, la confezione di vendita del RoboVac 30C è stata resa più compatta ma manca la maniglia per trasportarla con maggiore facilità.

Design e qualità costruttiva

Il nuovo RoboVac 30C prende in prestito il design degli altri due modelli ma aggiunge una particolare texture sotto al vetro temperato posto sulla parte superiore (che trattiene molte impronte) che lo rende più elegante e moderno. L’intera struttura del robot aspirapolvere è realizzata in plastica di ottima fattura e non presenta alcun difetto a livello costruttivo.

Sulla parte superiore è presente il logo Eufy, il pulsante di accensione/spegnimento della pulizia automatica e l’indicatore di stato del Wi-Fi. Sul retro, invece, troviamo i due PIN di contatto per la ricarica, il sensore anticaduta, i sensori a effetto Hall, una ruota orientabile, due spazzole laterali, due ruote, il contenitore della polvere, il pulsante di accensione/spegnimento, la spazzola rotante protetta dall’apposito coperchio e il vano batterie.

Il contenitore della polvere nasconde al suo interno il pre-filtro, il filtro HEPA e il filtro in schiuma mentre all’esterno è presente la bocchetta di aspirazione che permette di far defluire l’aria. Rispetto alle precedenti generazioni, l’unica differenza riguarda il pulsante ON/OFF che è protetto da una guarnizione in plastica trasparente.

Sulla zona frontale dell’Eufy RoboVac 30C sono presenti vari sensori mentre sul retro trova posto il pulsante per estrarre il contenitore della polvere dall’apposito vano. I restanti accessori (ossia telecomando, base di ricarica e adattatore da parete) sono praticamente identici al RoboVac 11S, quindi realizzati interamente in plastica nera.

Il telecomando propone 8 tasti per controllare quasi tutte le funzioni del robot nel caso in cui non voleste utilizzare l’app EufyHome. Rispetto al telecomando dell’11S, però, ha perso il display LCD.

La base di ricarica, invece, dispone di un indicatore LED di stato sulla parte superiore, di due PIN di contatto sulla pedana, un ingresso DC per collegare il connettore dell’adattatore e di un vano superiore dove riporre il telecomando. Qui sotto trovate le dimensioni e il peso specifici del robot pulitore e dei suoi accessori.

  • Eufy RoboVac 30C: 32,2 (diametro) x 7,2 (spessore) cm / 2680 grammi
  • Base di ricarica: 15 x 16,6 x 8,1 cm / 235 grammi
  • Telecomando: 13,5 x 4,7 x 2,2 cm / 75 grammi

Caratteristiche

Anker sostiene di aver integrato tecnologia BoostIQ il quale permette al robot Eufy di aumentare automaticamente la potenza di aspirazione entro 1.5 secondi quando è necessaria così da ottenere la massima pulizia possibile (trovate un test di questa feature più avanti).

Con le strisce di delimitazione incluse nella confezione (che non erano presenti sui precedenti modelli) è possibile effettuare una pulizia senza problemi visto che potrete marcare il percorso dove il robot deve pulire, operando esclusivamente nelle aree desiderate.

Anche se dispone di un design abbastanza sottile (solo 7.2 cm), l’Eufy RoboVac 30C propone un sistema di pulizia a 3 punti per ripulire pavimenti e tappeti da sporco, polvere e briciole. Il contenitore della polvere vanta una capacità di 0.6 litri così da sfruttare al meglio l’intera autonomia di 100 minuti e la potenza di aspirazione pari a 1500 PA.

Attraverso l’indicatore LED integrato nel pulsante di accensione della pulizia Automatica, è possibile comprendere lo stato di funzionamento del RoboVac 30C. In particolare, quando la spia si accende in arancio e lampeggia indica la fase di ricarica mentre quando è fissa segnala la ricarica completata, la fase di pulizia e quando è in stand-by.

Nel momento in cui l’indicatore si accende di arancio fisso, vuol dire che la batteria è quasi scarica e a quel punto il robot ritornerà alla base di ricarica per ricaricarsi. In caso di errore, la spia luminosa lampeggia in rosso e il RoboVac emette un segnale acustico.

L’indicatore del Wi-Fi, invece, lampeggia lentamente in blu quando è in attesa di connessione mentre velocemente quando si sta connettendo al vostro modem/router. L’effettiva connessione con il dispositivo di rete può essere identificata dalla luce blu fissa.

Per avviare o arrestare l’Eufy RoboVac 30C basta semplicemente premere il pulsante di accensione posto sulla parte superiore oppure quello del telecomando. Proprio come l’11S, anche questo modello mette a disposizione 5 modalità di pulizia: Automatica, Localizzata (Macchia), Pulizia dei bordi, Rapida e Manuale.

La pulizia Automatica permette al RoboVac di ottimizzare il percorso di pulizia selezionando automaticamente le varie modalità fino a completare la pulizia. La pulizia Localizzata (o Macchia) pulisce in maniera accurata un’area specifica seguendo un percorso a spirale.

Eufy RoboVac 30C robot aspirapolvere recensione

La pulizia dei Bordi riduce la velocità quando rileva una parete e segue quest’ultima per pulirla accuratamente. La pulizia Rapida interrompe automaticamente il processo dopo 30 minuti e fa tornare il robot alla base di ricarica. Infine, la pulizia Manuale permette di comandare manualmente il robot per pulire un’area specifica.

Secondo quanto affermato da Anker, la funzione BoostIQ permette al RoboVac 30C di aumentare in automatico la potenza di aspirazione quando è necessario ed è la soluzione ideale per pulire moquette o sporco ostinato.

Eufy RoboVac 30C robot aspirapolvere recensione

All’interno del manuale utente (ben strutturato e ricco di informazioni) trovate tutto ciò di cui avete bisogno per sfruttare al 100% il robot aspirapolvere di Anker. Ad esempio, ci sono diversi consigli sull’utilizzo, come usare le varie modalità di pulizia, come applicare le strisce di delimitazione e tanto altro ancora.

Per quanto riguarda il telecomando, gli 8 pulsanti in dotazione permettono di far tornare il RoboVac 30C alla base di ricarica, regolare la potenza di aspirazione nelle modalità Automatica e Rapida, avviare o arrestare la pulizia Automatica, controllare manualmente il robot attraverso le 4 frecce direzionali e avviare le modalità di pulizia Automatica, dei Bordi, Localizzata o Rapida.

Entrando più nello specifico, l’Eufy RoboVac 30C propone una batteria da 2600 mAh, un contenitore della polvere con capacità di 0.6 litri, una durata massima di 100 minuti, ha un consumo energetico di 40W e la ricarica dura 300-360 minuti.

Eufy RoboVac 30C robot aspirapolvere recensione

App EufyHome

Rispetto alla versione dell’applicazione che ho provato con la lampadina smart Eufy Lumos Smart Bulb-White, Anker ha deciso di aggiornare completamente l’interfaccia della sua implementando una grafica più moderna e sicuramente elegante.

La buona notizia è che il software è praticamente identico sia su Android che su iOS, quindi quello che ho andrò a riportare nelle prossime righe sarà valido per entrambi i sistemi operativi.

Attraverso gli screenshot presenti qui sotto vi mostro tutti i passaggi di effettuare per stabilire correttamente la connessione del robot aspirapolvere. Se avete problemi, trovate comunque tutti i passaggi all’interno del manuale utente.

La schermata principale Benvenuto a casa mostra il vostro nome e l’elenco dei dispositivi associati che possono essere gestiti con l’app EufyHome. In questo caso viene riportato il robot aspirapolvere con il suo nome (es. RoboVac Alessio) con la voce In ricarica, Ricarica, Stand-by o Non in linea.

Attraverso il suo box dedicato, è possibile avviare la pulizia automatica oppure fermarla premendo rispettivamente sul pulsante Play (freccia rivolta verso destra) o Stop (quadrato).

Pigiando sul nome del vostro robot aspirapolvere, avrete in prima linea il nome assegnato, l’icona batteria indicante l’autonomia residua, lo stato del robot (In ricarica, Stand-by o Non in linea), 4 frecce direzionali che permettono di utilizzarlo manualmente e il pulsante Play/Stop per avviare o fermare la pulizia.

Verso la parte inferiore troviamo 4 icone: Modalità, Programmi, Base di ricarica e Trova. Modalità consente di scegliere quale modalità di pulizia utilizzare fra Automatica, Rapida, Macchia e Bordi. In questo caso sono presenti le 4 frecce direzionali e il pulsante Play/Stop.

In Programmi è possibile pianificare delle pulizie programmate dal lunedì alla domenica attivando semplicemente l’interruttore di ogni giorno. Pigiando sull’ora, invece, potete modificare l’ora nel quale il robot deve avviare la pulizia. Ricordatevi di pigiare su Salva in alto a destra per salvare le impostazioni prima di uscire.

Il pulsante Base di ricarica permette al RoboVac 30C di tornare alla base di ricarica con una semplice pressione. Infine, Trova consente al robot pulitore di emettere un suono per ritrovarlo se perso in casa.

Dalla schermata home è possibile accedere alle Impostazioni tappando sui 3 puntini orizzontali collocati in alto a destra. Qui potete impostare la condivisione aggiungendo un membro (per consentire ad altre persone di gestire il robot), aggiornare il firmware, accedere a una guida interna del robot pulitore oppure rimuoverlo. Dalle Impostazioni potete anche cambiare il nome del robot, conoscere il nome della rete Wi-Fi a cui è connesso e l’indirizzo MAC.

Ritornando alla schermata principale dell’app EufyHome, premendo sui 3 trattini (presenti in alto a sinistra) è possibile gestire l’account personale pigiando su Visualizza account, integrare l’Eufy RoboVac 30C con Google Assistant o Amazon Alexa pigiando su Smart Link, condividere i dispositivi (stessa funzionalità vista poco fa), vedere le notifiche ricevute, impostare l’orario e accedere alla sezione Domande frequenti.

Infine, qualora voleste aggiungere un secondo robot o un dispositivo smart di Eufy, basta semplicemente premere sul + in alto a destra e seguire la procedura guidata.

Prestazioni

Ho provato intensamente il nuovo Eufy RoboVac 30C in questi ultimi giorni e sono pronto a dirvi cosa ne penso. A livello di prestazioni, i sensori implementati da Anker sono in generale di buona qualità e riescono a comportarsi bene in quasi tutte le situazioni. Tuttavia, alcune volte ho notato che il robot aspirapolvere andava a sbattere contro gli ostacoli incontrati lungo il percorso.

Le prestazioni sono praticamente le medesime del RoboVac 11S che ho avuto modo di provare. In alcuni test effettuati, il robot aspirapolvere di Anker è riuscito addirittura a passare su ostacoli da 16 mm di spessore, quindi sicuramente non avrete problemi con i tappeti.

Viste le sue dimensioni, però, potreste incontrarli con tappeti piccoli che scivolano facilmente sul pavimento e/o che dispongono di frange. In questo caso, potete fare affidamento alle strisce di delimitazione incluse nella confezione per permettere al RoboVac 30C di non avvicinarsi.

Per quanto riguarda l’autonomia, impostando la modalità pulizia Automatica con BoostIQ, il robot è riuscito a pulire per 1 ora e 44 minuti. Con velocità Standard, invece, 1 ora e 35 minuti mentre con quella Max 46 minuti. Come dichiarato dall’azienda, nella modalità pulizia Localizzata (o Macchia), il robot pulitore pulisce soltanto per 2/3 minuti mentre in quella Bordi 20 minuti.

Infine, l’Eufy RoboVac 30C funziona per massimo 30 minuti in modalità pulizia Rapida con velocità Standard, con velocità Max e con BoostIQ. Per quanto riguarda la ricarica, quando il robot è completamente spento impiega 3 ore e 13 minuti mentre con Wi-Fi attivo 3 ore e 15 minuti. Dai due test, quindi, è emerso anche che il Wi-Fi riesce a consumare praticamente quasi nulla visto che i tempi di ricarica sono stati molto simili.

Vi faccio notare che dopo 2 ore e 33 minuti, l’applicazione ha segnato Ricarica completa del robot mentre l’indicatore LED di quest’ultimo lampeggiava ancora. Questo piccolo problema, però, potrebbe essere risolto da Anker con un semplice aggiornamento del software.

Avendo a disposizione sia un Amazon Echo con Alexa che un Google Home Mini con Google Assistant, ho effettuato due test per provare a gestire il robot aspirapolvere tramite i due assistenti vocali.

Su Alexa è assente proprio la skill all’interno della sezione dedicata dell’applicazione ma so che è disponibile in America, quindi potrebbe arrivare nelle prossime settimane. Bisogna considerare anche che il colosso dello shopping online ha ufficializzato la gamma di speaker Echo in Italia il 24 ottobre 2018.

Eufy RoboVac 30C robot aspirapolvere recensione

Per quanto riguarda Google Assistant, il RoboVac 30C non sembra attualmente supportato fra i dispositivi di Eufy all’interno dell’app Home. Speriamo che nei prossimi mesi verrà introdotto il supporto visto che si tratta di una funzionalità davvero interessante.

Ho avuto la possibilità di provare le strisce di delimitazione e ho apprezzare la loro utilità poiché consentono di proteggere una determinata area di una stanza dal passaggio del robot.

Il consiglio che vi do, però, è di posizionarla a almeno 10 cm di distanza dall’oggetto da proteggere in quanto circa 3 cm della parte frontale del RoboVac 30C riesce ad oltrepassare la striscia di delimitazione. Trovate comunque a fine capitolo un video in cui vi dimostro il funzionamento.

Gli adesivi 3M inclusi in confezione sono davvero resistenti ma purtroppo non possono essere riutilizzati e inoltre in alcuni casi lasciano dei segni sul pavimento che bisogna rimuovere con un panno inumidito.

Conclusioni

L’Eufy RoboVac 30C è un robot aspirapolvere efficiente, poco rumoroso ed elegante che riesce a svolgere molto bene il suo compito. Le performance sono praticamente le stesse di quelle fornite dal RoboVac 11S ma questo ha in più la possibilità di essere gestito dall’applicazione sfruttando una rete wireless.

Pure in questo caso la tecnologia BoostIQ non mi è sembrata utile in quanto non ha aumentato la potenza di aspirazione nel momento opportuno (come dimostrato nel filmato allegato poco fa).

A parte questo, spero che nei prossimi modelli, Anker riuscirà ad estendere l’autonomia visto che il 30C riesce a fare in media poco più di 1 ora. Se non vi interessa gestire il robot aspirapolvere dall’app EufyHome, allora vi consiglio di acquistare il RoboVac 11S che su Amazon costa 50 euro in meno visto che si tratta della differenza principale rispetto al nuovo modello.

Prezzo

Il robot aspirapolvere Eufy RoboVac 30C di Anker può essere acquistato su Amazon ad un prezzo di 299,99 euro con spedizione gratuita.

Eufy RoboVac 30C robot aspirapolvere recensione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here