domenica, Marzo 3, 2024
Testo alternativo
HomeNewsActivision introduce "Hallucination" per contrastare i cheater di Call of Duty e...

Activision introduce “Hallucination” per contrastare i cheater di Call of Duty e aggiorna le misure anti-cheat

Activision sta adottando una serie di tattiche nella sua battaglia del gatto e del topo contro i cheater di Call of Duty, che vanno dal rendere loro impossibile vedere i bersagli a semplicemente togliere loro le armi. L’ultima misura è uno dei primi passi che gli sviluppatori stanno prendendo per contrastare gli hacker di Modern Warfare II e Warzone 2.0 che utilizzano strumenti proibiti (come i wallhack) per ottenere informazioni extra e ottenere un vantaggio ingiusto sugli altri giocatori.

Quando i sistemi di Activision rilevano o sospettano un cheater, potrebbe essere attivata una “allucinazione”. Queste non influenzeranno affatto i giocatori legittimi e sono progettate per disorientare gli hacker. Ecco la parte davvero intelligente: ogni allucinazione è un clone di un vero giocatore nella partita, secondo il team anti-cheat di Ricochet. Le allucinazioni si muovono, guardano e interagiscono con il mondo esattamente come farebbe un giocatore umano per ingannare il cheater facendogli credere di aver incontrato un avversario genuino.

Ricochet sostiene che i cheater non saranno in grado di distinguere a prima vista la differenza tra un’illusione e un giocatore reale (il team osserva che nell’immagine sopra c’è un’illusione e un vero giocatore). Le allucinazioni emettono le stesse tipologie di informazioni nascoste che i cheater ricevono per i giocatori legittimi tramite i loro strumenti illeciti. Le allucinazioni verranno anche schierate vicino ai cheater sospetti. Se un giocatore dall’aspetto losco interagisce in qualche modo con un’illusione, si svelerà come hacker.

D’altra parte, Ricochet ha ridotto una delle sue mitigazioni per gli hacker. Si chiamava Quicksand e, stranamente, rallentava un cheater di Call of Duty o lo bloccava sul posto. Poteva anche interferire con il loro schema di controllo. Una versione aggiornata di Quicksand potrebbe essere aggiunta in futuro, ma al momento è stata accantonata.

“Mentre Quicksand era una mitigazione divertente da usare contro i cattivi attori, poteva anche essere molto visivamente disturbante per chiunque nella lobby”, recita un post sul blog di Call of Duty. “Immagina di imbatterti in un nemico che si muoveva a passo di lumaca nel bel mezzo del tuo movimento fuori da una zona calda. Poteva ingannarti.”

Nel frattempo, Ricochet ha fornito un aggiornamento sui suoi sforzi per contrastare l’uso dei dispositivi di passaggio del controller di tipo XIM, utilizzati dai cheater. “Nelle prime due settimane dal lancio di questa rilevazione, abbiamo registrato una diminuzione del 59% nell’uso di questi dispositivi in Modern Warfare II e Warzone”, ha scritto il team di Ricochet. “Di questi utenti, il 57% non ha più utilizzato il dispositivo.” Gli utenti persistenti di tali dispositivi vengono penalizzati, ha sottolineato il team anti-cheat.

Vittorio Montana
Vittorio Montana
Sono un appassionato di videogiochi e mi piace giocare su diverse console, tra cui Nintendo Switch e PlayStation 5. Fin dall'infanzia, ho mostrato un forte interesse per i videogiochi. Mi piace passare il tempo immerso in mondi virtuali, esplorando ambienti fantastici e sfidando boss epici. Ho giocato a molti titoli famosi e ho sviluppato una conoscenza approfondita del mondo dei videogiochi.
POTRESTI LEGGERE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

I NOSTRI SOCIAL

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Migliori prodotti del mese

Più letti

Ultimi commenti