martedì, Luglio 23, 2024
Testo alternativo
HomeNewsGoogle Risolve la Controversia Legale sul Tracciamento in Modalità Incognito di Chrome

Google Risolve la Controversia Legale sul Tracciamento in Modalità Incognito di Chrome

In un avvenimento significativo, Google ha accettato di risolvere una causa legale presentata nel 2020, che accusava la gigante tecnologica di tracciare le attività degli utenti di Chrome anche quando utilizzavano la modalità Incognito del browser. La risoluzione arriva dopo un tentativo fallito di Google di far respingere il caso. Mentre i termini dell’accordo non sono stati resi pubblici, entrambe le parti hanno concordato sulle condizioni, in attesa dell’approvazione del tribunale a febbraio.

Inizialmente alla ricerca di un’enorme somma di $5 miliardi in danni, i querelanti sostenevano che Google impiegava strumenti come il suo prodotto Analytics, app e plug-in del browser per monitorare gli utenti. La loro argomentazione si basava sulla affermazione che, tracciando gli individui in modalità Incognito, Google inducesse in errore gli utenti facendoli credere di avere il controllo sulle informazioni che sceglievano di condividere. Google, al momento, chiarì che, sebbene la modalità Incognito non conservasse l’attività dell’utente sul proprio dispositivo, i siti web potevano comunque raccogliere informazioni durante la sessione.

In modo cruciale, i querelanti presentarono email interne che, secondo loro, dimostravano conversazioni tra dirigenti di Google, evidenziando il monitoraggio da parte dell’azienda dell’uso del browser in modalità Incognito per la vendita di annunci e il tracciamento del traffico web. La causa legale accusava Google di violare le leggi federali sulla registrazione delle comunicazioni e sulla privacy della California, richiedendo fino a $5,000 per ogni utente interessato. L’accusa sosteneva che milioni di utenti che utilizzavano la modalità Incognito dal 2016 erano probabilmente stati colpiti, giustificando così i danni sostanziali richiesti.

Sebbene ci si aspetti che Google accetti di risolvere per un importo probabilmente inferiore rispetto ai $5 miliardi inizialmente richiesti, i dettagli specifici dell’accordo rimangono non divulgati. Google deve ancora rispondere ufficialmente alle richieste di una dichiarazione, lasciando il pubblico e i media, compreso Engadget, in attesa di chiarimenti sulla risoluzione.

Questa risoluzione attira l’attenzione sulle preoccupazioni continue sulla privacy degli utenti e sulla misura in cui le aziende tecnologiche raccolgono e utilizzano i dati degli utenti, anche quando gli utenti credono di navigare in modo anonimo sul web. Con la privacy digitale che continua a essere un punto focale per gli utenti e i regolatori, sviluppi legali come questo sottolineano l’importanza di pratiche trasparenti e della gestione responsabile delle informazioni degli utenti all’interno dell’industria tecnologica.

Questo caso serve da monito agli utenti affinché rimangano informati sulle impostazioni della privacy e sulle limitazioni delle modalità di navigazione comunemente definite “private”, spingendo le aziende tecnologiche a mantenere un delicato equilibrio tra servizi basati sui dati e la fiducia degli utenti. Con l’evoluzione della tecnologia, il dialogo continuo sulla privacy digitale è destinato a plasmare il futuro scenario delle interazioni degli utenti con le piattaforme online.

Vittorio Montana
Vittorio Montana
Sono un appassionato di videogiochi e mi piace giocare su diverse console, tra cui Nintendo Switch e PlayStation 5. Fin dall'infanzia, ho mostrato un forte interesse per i videogiochi. Mi piace passare il tempo immerso in mondi virtuali, esplorando ambienti fantastici e sfidando boss epici. Ho giocato a molti titoli famosi e ho sviluppato una conoscenza approfondita del mondo dei videogiochi.
POTRESTI LEGGERE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

I NOSTRI SOCIAL

0FollowerSegui
0FollowerSegui
86,100IscrittiIscriviti

Migliori prodotti del mese

No products found.

Più letti

Ultimi commenti