domenica, Giugno 23, 2024
Testo alternativo
HomeNewsHumane, la startup lanciata dall'ex duo di design e ingegneria di Apple,...

Humane, la startup lanciata dall’ex duo di design e ingegneria di Apple, Imran Chaudhri e Bethany Bongiorno, ha oggi svelato i dettagli sul suo primo prodotto: l’Humane Ai Pin.

È stato un lungo percorso. Humane ha mantenuto il suo lavoro più o meno segreto dal 2018, anno della sua fondazione, senza svelare alcun prodotto ma assumendo decine di ex dipendenti di Apple responsabili della tastiera touchscreen dell’iPhone, degli elementi del design industriale di Apple e dell’infrastruttura per i servizi Apple come iCloud, Apple Pay e Home.

Il prodotto di Humane, come si scopre, è un dispositivo indossabile con un display proiettato e funzionalità basate sull’intelligenza artificiale. Chaudhri ha mostrato dal vivo il dispositivo sul palco durante un TED Talk ad aprile, ma un comunicato stampa rilasciato oggi fornisce alcuni dettagli aggiuntivi.

“L’AI Pin [è un] dispositivo indossabile basato su abbigliamento connesso e intelligente che utilizza una serie di sensori che consentono interazioni di calcolo contestuali e ambientali”, recita il comunicato. “L’AI Pin è un tipo di dispositivo autonomo con una piattaforma software che sfrutta il potere dell’IA per consentire innovative esperienze di elaborazione personale”.

Sganciandoci dalla retorica di marketing, l’AI Pin sarà in grado di svolgere molte delle funzioni di uno smartphone, ma con meno gesti e comandi vocali richiesti. Attivato con un tocco, l’AI Pin, progettato per essere agganciato a una tasca sul petto, può offrire un riepilogo delle e-mail e degli inviti del calendario, tradurre tra le lingue e rispondere e effettuare chiamate telefoniche.

Grazie a una fotocamera e a un software basato sulla visione artificiale, l’AI Pin può anche riconoscere gli oggetti intorno a sé, come le etichette nutrizionali degli alimenti. E utilizzando un proiettore integrato e un sensore di profondità, può proiettare un’interfaccia interattiva su superfici vicine, come il palmo di una mano o la superficie di un tavolo.

“Il nostro AI Pin offre alle persone l’opportunità di portare con sé l’IA ovunque e di sbloccare una nuova era di elaborazione mobile personale che è senza schermo e sensibile”, hanno dichiarato Chaudhri e Bongiorno in una nota preconfezionata.

Humane ha anche rivelato oggi di essere in collaborazione con Qualcomm per lo sviluppo dell’hardware interno dell’AI Pin. Un chip non specificato della serie Snapdragon di Qualcomm darà potenza all’indossabile; Humane promette ulteriori informazioni da fornire nel corso dell’anno in vista del lancio del dispositivo.

“L’AI Pin di Humane offrirà un’esperienza di IA superiore”, ha dichiarato Ziad Asghar, SVP della gestione dei prodotti di Qualcomm, citato nel comunicato. “Con l’avvento dell’IA generativa, l’AI Pin di Humane e l’esperienza utente sfruttano appieno alcune delle principali potenzialità dell’IA on-device e utilizzano informazioni contestuali in tempo reale per offrire all’utente entusiasmanti casi d’uso personalizzati di IA”.

In precedenza, Humane ha annunciato di essere in collaborazione con SK Networks e Microsoft per portare la propria piattaforma e i propri servizi sul mercato, con Microsoft che fornisce la potenza di elaborazione cloud e SK Networks che si occupa della distribuzione. Nel frattempo, Humane sta collaborando con OpenAI per integrare la propria tecnologia nel dispositivo della startup, qualunque forma esso assuma. LG, per sua parte, sta lavorando con Humane su progetti di ricerca e sviluppo per la prossima fase del ciclo di vita del prodotto, nonché sull’adattamento della tecnologia di Humane per i dispositivi smart home. E Volvo sta collaborando con Humane per una potenziale offerta nell’industria automobilistica.

Fino ad oggi, Humane, con sede a San Francisco e un team di oltre 200 persone, ha raccolto 230 milioni di dollari da investitori tra cui il CEO di Salesforce, Marc Benioff, Kindred Ventures, SK Networks, LG Technology Ventures, Microsoft, Volvo Cars Tech Fund, Tiger Global, Qualcomm Ventures e il CEO e co-fondatore di OpenAI, Sam Altman.

Vittorio Montana
Vittorio Montana
Sono un appassionato di videogiochi e mi piace giocare su diverse console, tra cui Nintendo Switch e PlayStation 5. Fin dall'infanzia, ho mostrato un forte interesse per i videogiochi. Mi piace passare il tempo immerso in mondi virtuali, esplorando ambienti fantastici e sfidando boss epici. Ho giocato a molti titoli famosi e ho sviluppato una conoscenza approfondita del mondo dei videogiochi.
POTRESTI LEGGERE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

I NOSTRI SOCIAL

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Migliori prodotti del mese

No products found.

Più letti

Ultimi commenti