lunedì, Giugno 24, 2024
Testo alternativo
HomeNewsHyundai rafforza gli investimenti nei veicoli elettrici nonostante il calo delle vendite...

Hyundai rafforza gli investimenti nei veicoli elettrici nonostante il calo delle vendite del settore

Il settore delle vendite di veicoli elettrici potrebbe essere in una fase di stallo, ma Hyundai non si lascia scoraggiare. Il costruttore automobilistico con sede in Corea del Sud sta raddoppiando gli investimenti nei veicoli elettrici, incluso un impianto di produzione dedicato del valore di 7,6 miliardi di dollari in Georgia, ha dichiarato il CEO di Hyundai Motor America, Randy Parker.

Questi prodotti includono le popolari Hyundai Ioniq 5 e Ioniq 6, nonché una Kona Electric recentemente aggiornata. E c’è anche la recentemente lanciata Ioniq 5 N, orientata alle prestazioni, che ha recentemente vinto il premio World Performance Car 2024.

Mentre altri produttori automobilistici stanno lottando con una domanda debole, gli EV di Hyundai stanno vendendo robustamente. L‘azienda ha venduto 14.798 veicoli elettrici a marzo 2024, attraverso tutti e tre i suoi modelli a batteria, registrando un aumento del 53 percento rispetto all’anno precedente. Altre aziende hanno visto calare le loro vendite, spingendole a ritardare i piani di costruzione o a ridurre gli investimenti.

Detto ciò, l’azienda – che recentemente si è posizionata al terzo posto al mondo per le vendite, dietro a Toyota e Volkswagen – non è completamente immune dalle forze esterne che stanno sconvolgendo il passaggio a un futuro completamente EV. A livello globale, Hyundai ha venduto 153.519 modelli elettrificati nel primo trimestre del 2024, inclusi ibridi, ibridi plug-in, veicoli elettrici a batteria e veicoli elettrici a celle a combustibile. Ciò rappresenta un calo del 4,8 percento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. E i profitti operativi globali sono scesi del 2,3 percento anno su anno.

Parker ha detto che le prospettive interne continuano a sembrare ottimistiche. “Non sono in grado di parlare del bilancio a livello globale, ma permettetemi di dire che ci stiamo cavando bene negli Stati Uniti”.

Negli Stati Uniti, Parker ha dichiarato che l’azienda sta lavorando per affrontare le frustrazioni che molti hanno indicato come ostacoli all’acquisto di un EV, in particolare il prezzo e la disponibilità di ricarica. Ha citato un “programma di leasing molto aggressivo di 24 mesi” per l’Ioniq 5 e 6. I veicoli stessi hanno un “autonomia leader di classe” – fino a 303 miglia per l’Ioniq 5 e fino a 360 miglia per alcune versioni dell’Ioniq 6 – per affrontare l’ansia legata alla ricarica. E entrambi i veicoli presentano architetture a 800 volt, che possono aggiungere 100 miglia di autonomia in soli sette minuti, a seconda della velocità del caricatore.

“Stiamo cercando di rendere la guida di un EV accessibile”

“Stiamo cercando di rendere la guida di un EV accessibile”, ha detto Parker, “ma allo stesso tempo rimuovendo alcuni di quegli ostacoli riguardanti autonomia e ricarica”.

Inoltre, all’orizzonte c’è la partnership di Hyundai con Tesla per dare ai suoi clienti accesso alla rete Supercharger dell’azienda. Parker ha detto che i proprietari di EV Hyundai esistenti avranno accesso ai Tesla Supercharger alla fine del 2024, ma che gli adattatori non inizieranno ad essere spediti fino al primo trimestre del 2025.

Recentemente Tesla ha affrontato un importante giro di tagli, con il suo team Supercharger che è stato particolarmente colpito. Gli esperti hanno espresso preoccupazioni sulla futura affidabilità dei caricabatterie EV dell’azienda data la perdita di competenze e di personale, ma Parker ha detto che Hyundai è “ancora impegnata” nella sua partnership con l’azienda. “Non mi è stata data alcuna ragione per dubitare della nostra strategia futura”, ha aggiunto.

Ci sono altri ostacoli. Gli EV di Hyundai sono prodotti in Corea del Sud, il che li rende non idonei al credito d’imposta federale EV di 7.500 dollari. Ma ciò potrebbe durare poco poiché il nuovo impianto dell’azienda in Georgia è in fase di completamento, con i primi EV previsti per il quarto trimestre di quest’anno. Oltre a Hyundai, la fabbrica produrrà veicoli elettrici anche per Kia e Genesis.

Potrebbero esserci sfide legate al lavoro all’orizzonte. I lavoratori del sindacato United Auto Workers, reduci dalla loro vittoria sui tre grandi produttori automobilistici nazionali e da un voto di sindacalizzazione riuscito in una fabbrica Volkswagen nel Tennessee, stanno puntando ad organizzare altre fabbriche del Sud, inclusa quella di Hyundai. Parker ha detto che Hyundai si vanta della sua “cultura molto forte”, ma ha dichiarato che qualsiasi voto di sindacalizzazione sarà alla fine una decisione dei lavoratori.

“La decisione di essere rappresentati da un sindacato è puramente dei membri del team e finora, hanno parlato e lascio che siano loro a decidere”, ha detto.

Indipendentemente da come andrà a finire, il futuro di Hyundai sarà elettrico. L’azienda potrebbe dover vendere molti ibridi e auto a benzina prima che il passaggio completo possa essere realizzato, ma Parker è convinto che stia andando nella direzione giusta.

“È una transizione come tutte le altre, capisci?” ha detto. “Le persone passano dal telefono a disco all’iPhone. Voglio dire, succederà comunque. E, per me, direi che il futuro è elettrico e in qualche modo, siamo già in ritardo”.

Vittorio Montana
Vittorio Montana
Sono un appassionato di videogiochi e mi piace giocare su diverse console, tra cui Nintendo Switch e PlayStation 5. Fin dall'infanzia, ho mostrato un forte interesse per i videogiochi. Mi piace passare il tempo immerso in mondi virtuali, esplorando ambienti fantastici e sfidando boss epici. Ho giocato a molti titoli famosi e ho sviluppato una conoscenza approfondita del mondo dei videogiochi.
POTRESTI LEGGERE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

I NOSTRI SOCIAL

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Migliori prodotti del mese

No products found.

Più letti

Ultimi commenti