venerdì, Aprile 19, 2024
Testo alternativo
HomeNewsImportanti aziende europee criticano l'AI Act dell'Unione Europea definendolo inefficace e dannoso...

Importanti aziende europee criticano l’AI Act dell’Unione Europea definendolo inefficace e dannoso per la concorrenza

Un gruppo di aziende di spicco in Europa ha preso una posizione critica nei confronti dei regolamenti sull’intelligenza artificiale recentemente approvati dall’Unione Europea, sostenendo che l’AI Act sia inefficace e possa avere un impatto negativo sulla concorrenza. In una lettera aperta inviata al Parlamento europeo, alla Commissione e agli Stati membri, più di 150 dirigenti provenienti da aziende come Renault, Heineken, Airbus e Siemens hanno criticato l’AI Act, affermando che potrebbe “mettere a rischio la competitività e la sovranità tecnologica dell’Europa”.

Il Parlamento europeo ha approvato il 14 giugno una bozza dell’AI Act dopo due anni di sviluppo delle regole, ampliandole per includere gli ultimi progressi nell’intelligenza artificiale, come i grandi modelli di intelligenza artificiale nel linguaggio (LLM) e i modelli di base, come il GPT-4 di OpenAI. Nonostante l’approvazione da parte del Parlamento, ci sono ancora diverse fasi da completare prima che la nuova legge possa entrare in vigore. Le negoziazioni interistituzionali rimanenti sono previste per concludersi entro la fine dell’anno.

Le aziende firmatarie della lettera aperta sostengono che l’AI Act, nelle sue attuali forme, potrebbe sopprimere le opportunità offerte dalla tecnologia dell’intelligenza artificiale per l’Europa di tornare all’avanguardia tecnologica. Essi ritengono che le regole approvate siano troppo estreme e rischino di compromettere le ambizioni tecnologiche dell’Unione Europea anziché fornire un ambiente adatto all’innovazione nell’ambito dell’intelligenza artificiale.

Una delle principali preoccupazioni sollevate dalle aziende riguarda le rigide regole specificamente mirate ai sistemi di intelligenza artificiale generativi, una sottocategoria di modelli di intelligenza artificiale che rientrano comunemente nella definizione di “modelli di base”. Secondo l’AI Act, i fornitori di modelli di base di intelligenza artificiale, indipendentemente dalle loro applicazioni previste, saranno tenuti a registrare i loro prodotti presso l’Unione Europea, a sottoporsi a valutazioni dei rischi e a soddisfare requisiti di trasparenza, tra cui la divulgazione pubblica di dati soggetti a diritti d’autore utilizzati per l’addestramento dei modelli.

La lettera aperta afferma che le aziende che sviluppano questi sistemi di intelligenza artificiale di base sarebbero soggette a costi di conformità e rischi di responsabilità sproporzionati, il che potrebbe spingere i fornitori di intelligenza artificiale a ritirarsi completamente dal mercato europeo. La lettera sottolinea che “l’Europa non può permettersi di restare in disparte” e invita i legislatori dell’Unione Europea ad abbandonare gli obblighi rigidi di conformità per i modelli di intelligenza artificiale generativi e a concentrarsi invece su quelli che possono accogliere “principi ampi in un approccio basato sul rischio”.

“La versione attuale dell’AI Act ha implicazioni catastrofiche per la competitività europea”, ha dichiarato Jeannette zu Fürstenberg, socia fondatrice di La Famiglia VC e una delle firmatarie della lettera. “In Europa si sta sviluppando un forte spirito di innovazione, con talenti europei chiave che lasciano le aziende statunitensi per sviluppare tecnologie in Europa. Una regolamentazione che mette in pericolo le giovani e innovative aziende minaccia questo spirito di innovazione”.

Le aziende hanno anche sollecitato l’Unione Europea a creare un organo di regolamentazione composto da esperti del settore dell’intelligenza artificiale per monitorare l’applicazione dell’AI Act durante lo sviluppo continuo della tecnologia.

In risposta alla lettera, Dragoș Tudorache, membro del Parlamento europeo che ha guidato lo sviluppo dell’AI Act, ha affermato che le aziende che hanno firmato la lettera stanno reagendo “sotto lo stimolo di pochi” e che la legislazione dell’UE fornisce “un processo guidato dall’industria per definire gli standard, una governance con l’industria al tavolo e un regime normativo leggero che richiede trasparenza. Null’altro”.

OpenAI, l’azienda responsabile di ChatGPT e Dall-E, ha fatto pressioni sull’Unione Europea per modificare una bozza precedente dell’AI Act nel 2022, chiedendo di eliminare un emendamento proposto che avrebbe sottoposto tutti i fornitori di sistemi di intelligenza artificiale a uso generale, una categoria vaga ed estesa che comprende LLM e modelli di base, alle restrizioni più severe dell’AI Act. L’emendamento non è stato infine incluso nella legislazione approvata.

Sam Altman, CEO di OpenAI, che ha firmato anche una lettera aperta che metteva in guardia sui potenziali pericoli dei futuri sistemi di intelligenza artificiale, aveva precedentemente avvertito che l’azienda avrebbe potuto ritirarsi dal mercato europeo se non fosse stata in grado di conformarsi alle normative dell’UE. Tuttavia, successivamente Altman ha modificato la sua posizione e ha dichiarato che OpenAI non ha “alcun piano di lasciare”.

Vittorio Montana
Vittorio Montana
Sono un appassionato di videogiochi e mi piace giocare su diverse console, tra cui Nintendo Switch e PlayStation 5. Fin dall'infanzia, ho mostrato un forte interesse per i videogiochi. Mi piace passare il tempo immerso in mondi virtuali, esplorando ambienti fantastici e sfidando boss epici. Ho giocato a molti titoli famosi e ho sviluppato una conoscenza approfondita del mondo dei videogiochi.
POTRESTI LEGGERE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

I NOSTRI SOCIAL

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Migliori prodotti del mese

No products found.

Più letti

Ultimi commenti