Home Guide Burn-in TV OLED: cos’è, come evitarlo, cosa fare in caso di guasto

Burn-in TV OLED: cos’è, come evitarlo, cosa fare in caso di guasto

0

Il Burn-in nelle smart TV OLED è un tema interessante che bisogna approfondire. Se hai letto la guida alle migliori TV OLED che ti ho presentato qualche giorno fa oppure possiedi uno di questi dispositivi, sicuramente ti stai già godendo la qualità video elevatissima di questi schermi. Come spiegato, rispetto agli schermi LCD, gli OLED hanno la capacità di accendere e spegnere a piacimento ogni singolo LED presente sul pannello, cosa che migliora la qualità complessiva dell’immagine.

L’effetto Burn-in che si verifica sui display OLED è una diretta conseguenza di questa capacità di accendere e spegnere i pixel. Si tratta di un problema noto ai produttori, i quali hanno sviluppato diversi modi per contrastarlo. Inoltre, è possibile evitare l’insorgenza dell’effetto Burn-in tenendo anche alcune regole di buon comportamento quando si utilizza la smart TV OLED.

Continua a leggere per scoprire tutto quello che ti serve sapere sull’effetto Burn-in, cos’è e come si verifica, oltre a tutte le pratiche che puoi utilizzare per prevenirlo oppure richiedere assistenza per il Burn-in se questo si è verificato sul tuo televisore. Buona lettura.

OLED

Burn-in, cos’è e da cosa è causato

Molti credono che questo problema sia sorto e sia un’esclusiva dei prodotti OLED. In realtà, già i vecchi pannelli monitor con tecnologia CRT ne soffrivano, addirittura in maniera molto marcata. Non a caso negli anni 90 gli sviluppatori informatici hanno cominciato a sviluppare i vecchi screen saver, ritenuti ai tempi soprattutto una soluzione per contenere il consumo energetico.

Per sintetizzare l’argomento, il Burn-in non è altro che una sorta di effetto stampa che imprime le immagini visualizzate a schermo sul vetro del pannello. Questo alone viene chiamato “ghosting” e una volta comparso non svanisce più. L’immagine che si stampa sul pannello OLED a seguito di Burn-in, verrà visualizzati anche se si cambia canale, scena oppure videogioco.

Le cause del Burn-in non sono molte e, in un certo senso, sono legate alla natura intrinseca degli OLED. In sostanza, visto che il pannello di una smart TV di questi tipo è in grado di accendere e spegnere i pixel a seconda del loro utilizzo, può capitare che per molto tempo su tutta la superfice del vetro persistano zone dove la temperatura è bassa e altre dove è molto alta. Questo fenomeno causa un invecchiamento precoce di alcune parti del pannello OLED. Queste ultime, allora, possono subire la stampa del Burn-in.

LEGGI ANCHE  Tablet o Smartphone a >> 4 euro ! - "NUOVI modelli altroconsumo"

In alcuni casi il ghosting potrebbe non essere marcato nettamente, ossia restituire direttamente un’immagine, ma semplicemente presentarsi con un alone altrettanto fastidioso.

Come prevenire il Burn-in

A differenza di quanto è possibile leggere in Internet, il Burn-in è un problema poco diffuso. Naturalmente esiste e deve essere tenuto in considerazione quando si acquista una smart TV OLED visto il costo, tuttavia è sostanzialmente difficile che si verifichi spontaneamente e, tenendo alcune pratiche di buona condotta, quasi impossibile. In linea generale, infatti, le migliori smart TV OLED come quelle LG sono testate e garantite per funzionare per almeno 12 anni prima che si guastino del tutto, una vita di circa 50.000 ore così com’è possibile leggere sul sito di LG.

Per prevenire il Burn-in prova a seguire questi consigli. Visto che il problema si verifica per via del riscaldamento dei pixel che rimangono accesi per troppo tempo, la soluzione è molto semplice: bisogno innanzitutto evitare che le immagini restino impresse a lungo sul pannello con colori troppo forti. Eccoti tutti i consigli:

  • Abbassare la luminosità del display, quest’ultima incide in linea generale sulla vita del pannello e comunque aumenta i consumi. Se presente, attivare una modalità scura;
  • Scegliere modalità di colore spente, come quelle Cinema in modo da ottenere comunque una buona fedeltà visiva;
  • Ridurre la quantità di immagini statiche. Chi gioca ai videogame, in particolare, dovrebbe fare attenzione agli hud tipo la barra della salute e della vita presenti a schermo. Ad esempio, in un videogioco come Deathloop – uno dei migliori giochi PS5 2022 – è presente a schermo un HUD molto invasivo. Questo può essere disattivato dalle opzioni;
  • In ultimo, bisogna spegnere il televisore ogni qualvolta non viene utilizzato ed evitare di lasciarlo con immagine statiche in mostra.
LEGGI ANCHE  Come viaggiare quasi gratis con Airbnb | Coupon

In ogni caso, i migliori consigli per prevenire il Burn-in sono, comunque, forniti dai produttori stessi. Ad esempio LG ha predisposto diverse modalità per la salvaguardia della vita del display tramite la funzione Clear Panel Noise che serve a preservare la qualità dell’immagine sul display, rilevando i loghi statici e riducendo la luminosità di quelle zone.

Cosa fare se hai subito un guasto del Burn-in?

Come ti ho detto, il Burn-in è un fenomeno poco diffuso, sicuramente molto meno di quanto possa sembrare rispetto alle dichiarazioni degli utenti su Internet. Nei rari casi in cui il fenomeno capiti, bisogna contattare l’assistenza clienti del produttore, ad esempio LG, Samsung, Sony e così via.

La questione garanzia sul Burn-in è particolare. Molti produttori intendono questo difetto un problema intrinseco della tecnologia OLED e non un difetto della smart tv, con il risultato che riparare il guasto è possibile solamente pagando la riparazione. I costi di questa operazione non sono per niente elevati rispetto al costo del prodotto, ma si tratta comunque di cifre importanti.

Samsung garantisce 10 anni contro il Burn-in, ma solamente sul prodotti LED e QLED, che già di base sono molto meno propensi a danneggiarsi in questo modo.

Conviene acquistare una smart TV OLED nonostante il Burn-in?

Assolutamente sì. Come hai visto, il Burn-in è un problema poco rilevante per la tecnologia OLED e i vantaggi delle smart tv di questo tipo – come puoi vedere qui – sono eccezionali in termini di qualità dell’immagine e possibilità di utilizzo, soprattutto con una console di nuova generazione come PS5 e Xbox Series X.

L’unica cosa che devi fare dopo l’acquisto, durante l’utilizzo, è non visualizzare per troppo tempo immagini statiche, spegnere sempre la televisione quando non viene utilizzata. Inoltre, ricordati sempre di impostare le modalità a bassa luminosità, mentre spunta l’apposita opzione di trasparenza dell’HUD all’interno delle impostazioni del videogioco che stai utilizzando.

Articolo precedenteWalkingPad R2: Recensione tapis roulant pieghevole + coupon bangood
Articolo successivoCome tornare a Windows 10 da Windows 11, guida completa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here